Riaperta la rottamazione-ter

News n.37                                                                                                                                      

L’assessorato alle Attività Economiche del Comune di Catanzaro e il Centro Studi DLM Digital@b MIA Centro di Ricerca e Studi Avanzati per l’Innovazione e la Digitalizzazione nell’ambito del progetto di ricerca RISANA MI@, nella qualità di partner scientifico dello Sportello Informativo CITY HUB”, presentano:

Riaperta la rottamazione-ter

Riaperta sia la Rottamazione-ter che il Saldo e Stralcio per chi ha saltato le rate 2020 o 2021, analizziamo insieme come funziona la riammissione alla pace fiscale.

Beneficiari

Riguarda i contribuenti che avevano aderito alla Rottamazione-ter o al Saldo e stralcio ma poi sono rimasti indietro con il pagamento delle rate 2020 e 2021 senza riuscire a rimettersi in regola entro lo scorso 9 dicembre 2021. Si tratta di 532mila contribuenti per i quali erano ripartite le procedure di riscossione, e che ora hanno la possibilità di rientrare nella pace fiscale. A questi, si aggiungono coloro che sono eventualmente in ritardo con le rate 2022, per le quali pure c’è sostanzialmente una proroga.

Ribadiamo che la rimessione dei termini è utilizzabile esclusivamente da coloro che non hanno pagato le rate 2020 e 2021. Non sono compresi i contribuenti che sono usciti dalla Rottamazione per non aver saldato le rate 2019. In questo caso, però, c’è un altro strumento attivabile, ovvero la rateizzazione.

Nuovo calendario

Per rientrare nella Rottamazione la legge ha fissato un nuovo calendario di scadenze entro le quali ci si può validamente mettere in regola.

  • Rate scadute nel 2020: vanno pagate entro il 30 aprile 2022 ma sono previsti cinque giorni di tolleranza, per cui il pagamento si considera tempestivo se effettuato entro il 9 maggio.
  • Rate scadute nel 2021: vanno pagate entro il 31 luglio, con i cinque giorni di tolleranza si arriva all’8 agosto.
  • Rate del 2022: possono essere saldate entro il 30 novembre, con i cinque giorni si arriva al 5 dicembre.

Come fare

Non è necessario effettuare nuove comunicazioni al Fisco: basta pagare le rate nelle date sopra indicate con i bollettini già inviati da Agenzia delle entrate-Riscossione anche se il versamento viene effettuato in date differenti rispetto a quelle originarie. Chi li avesse smarriti può richiederne copia compilando l’apposita richiesta online, disponibile nell’area pubblica del portale dell’agenzia delle entrate.

Modalità di pagamento

Il pagamento può essere effettuato, usando i bollettini sopra indicati, con le seguenti modalità:

  • servizio “Paga on-line” (sul sito ADER o sull’APP EquiClick);
  • canali telematici di banche, Poste Italiane e Prestatori di Servizi di Pagamento (PSP) aderenti al nodo pagoPA (lista completa sul sito della piattaforma);
  • sportello AdER, previo appuntamento preso tramite servizio “Prenota un appuntamento allo sportello territoriale”.

Stop alle procedure esecutive

L’adesione alla rimessione nei termini comporta il blocco delle procedure esecutive eventualmente già avviate. Resta la regola sempre applicata alla pace fiscale, in base alla quale il mancato o tardivo pagamento entro i nuovi termini previsti comporta nuovamente la decadenza dalla pace fiscale, con la ripresa delle procedure esecutive. Le somme versate vengono in ogni caso considerate un acconto sul dovuto.

Scarica qui il contenuto in PDF.

Presso DLM Digital@b MIA tecnici esperti ed Innovation Manager sono disponibili, dietro appuntamento allo sportello dell’assessorato Attività Economiche del Comune di Catanzaro, a fornire informazioni più dettagliate al fine di cogliere i benefici previsti nella suddetta misura.

DLM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Call Now Button