PNRR: occasioni ed opportunità irrepetibili

idea-1855598_1920
sponsor-5200336_1920
IMG 1
previous arrow
next arrow

 

News n.21 del 15 Luglio 2021


L’assessorato alle Attività Economiche del Comune di Catanzaro e il Centro Studi DLM Digital@b MIA Centro di Ricerca e Studi Avanzati per l’Innovazione e la Digitalizzazione nell’ambito del progetto di ricerca FINANCE MI@ START”, nella qualità di partner scientifico dello Sportello Informativo CITY HUB”, presentano:

PNRR: OCCASIONI ED OPPORTUNITÀ IRREPETIBILI

Incassata l’approvazione da parte della Commissione UE, l’ultimo passo che aspettavamo per l’erogazione dei fondi (con una prima quota di circa 25 miliardi presumibilmente già entro luglio) era rappresentato dal via libera del Consiglio Europeo che è arrivato.

Il Presidente del CMS Mario Draghi al Consiglio dei Ministri del 13 luglio ha annunciato il via libera dell’U.E. al PNRR Italiano.

Il Piano presentato dall’Italia prevede un corposo pacchetto di riforme strutturali e di investimenti, a cui sono destinate risorse per 191,5 miliardi di euro finanziate attraverso il Dispositivo per la Ripresa e la Resilienza e per 30,6 miliardi attraverso il Fondo complementare istituito con il D.L. 6.05.2021, n. 59. Il totale dei fondi previsti ammonta quindi a 222,1 miliardi.

Sono stati stanziati, inoltre, entro il 2032, ulteriori 25 miliardi da destinare alla realizzazione di opere specifiche e per il reintegro delle risorse del Fondo Sviluppo e Coesione. A tali risorse si aggiungono quelle rese disponibili dal programma REACT-EU (13 miliardi).

Il Piano si articola intorno a 3 assi strategici:

  1. digitalizzazione e innovazione;
  2. transizione ecologica;
  3. inclusione sociale.

A livello di obiettivi macro, ci si propone di: riparare i danni economici e sociali della crisi pandemica; contribuire a risolvere le debolezze strutturali dell’economia italiana; accompagnare il Paese su un percorso di transizione ecologica e ambientale, riducendo i divari territoriali, generazionali e di genere.

Il Piano si suddivide in 6 missioni

  • Digitalizzazione, Innovazione, Competitività, Cultura: stanzia complessivamente 49,2 miliardi con l’obiettivo di promuovere la trasformazione digitale del Paese, sostenere l’innovazione del sistema produttivo, e investire in turismo e cultura.
  • Rivoluzione Verde e Transizione Ecologica: 68,6 miliardi con gli obiettivi principali di migliorare la sostenibilità e la resilienza del sistema economico e assicurare una transizione ambientale equa e inclusiva.
  • Infrastrutture per una Mobilità Sostenibile: 31,4 miliardi per lo sviluppo di un’infrastruttura di trasporto moderna, sostenibile ed estesa a tutto il Paese.
  • Istruzione e Ricerca: 31,9 miliardi per rafforzare il sistema educativo, le competenze digitali e tecnico-scientifiche, la ricerca e il trasferimento tecnologico.
  • Inclusione e Coesione: prevede uno stanziamento di 22,4 miliardi per facilitare la partecipazione al mercato del lavoro, rafforzare le politiche attive del lavoro e favorire l’inclusione sociale.
  • Salute: stanzia 18,5 miliardi al fine di rafforzare la prevenzione e i servizi sanitari, modernizzare e digitalizzare il sistema sanitario e garantire equità di accesso alle cure.

Il Piano prevede inoltre un ambizioso programma di riforme, con l’obiettivo generale di contribuire alla modernizzazione del Paese, rendendo il contesto economico più favorevole allo sviluppo dell’attività di impresa. In estrema sintesi:

  • Riforma della Pubblicità Amministrazione;
  • Riforma della giustizia, con l’obiettivo precipuo di ridurre la durata dei procedimenti giudiziari;
  • Interventi di semplificazione orizzontali al Piano, ad esempio in materia di concessione di permessi e autorizzazioni e appalti pubblici;
  • Riforme per promuovere la concorrenza come strumento di coesione sociale e crescita economica.

È inutile dire che sarà un’occasione irrepetibile, il PNRR avrà un impatto significativo sulla crescita economica e della produttività. Il Governo prevede che nel 2026 il Pil sarà di 3,6 punti percentuali più alto rispetto a uno scenario di base che non prevede l’introduzione del Piano.

Scarica qui il contenuto in PDF.

Presso DLM Digital@b MIA tecnici esperti ed Innovation Manager sono disponibili, dietro appuntamento allo sportello dell’assessorato Attività Economiche del Comune di Catanzaro, a fornire informazioni più dettagliate al fine di cogliere i benefici previsti nella suddetta misura.

Se vuoi ricevere gratuitamente le nostre notizie iscriviti alla newsletter dello sportello imprese “City Hub”.

DLM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *